• 09-12-2019

    A Ferentino, cena sociale per la rete dell’associazionismo

    Auguri e musica durante la cena sociale della manifestazione ‘Brilla una Stella’

    È proseguita per tutto il periodo delle feste natalizie l’iniziativa ‘Brilla una Stella’, organizzata dal Comune di Ferentino in collaborazione con OSA. Dopo l’open day all’ex Mattatoio comunale dello scorso 3 Dicembre, si è svolta il 21 Dicembre, negli stessi locali del Comune, una cena sociale che ha coinvolto il mondo dell’associazionismo locale.

     

    Oltre agli operatori e agli assistiti OSA del Centro Diurno ‘L. Malancona’, ha infatti aderito all’appuntamento l’intera rete associativa impegnata con il Comune di Ferentino in campo socio-assitenziale.

    Si tratta di Associazioni di volontariato, società sportive, strutture onlus assistenziali e sanitarie, associazioni di promozione sociale, culturale e di tutela ambientale, oltre alle istituzioni scolastiche, che con le loro attività costituiscono una risorsa fondamentale per contribuire a migliorare la qualità della vita della cittadina ciociara.

     

    La presenza di una rete tanto diversificata ed eterogenea, unita allo scopo principale di creare un momento conviviale comune, ha reso l’atmosfera dinamica e stimolante per tutti i partecipanti.

     

    Nel corso della cena si sono alternati momenti di divertimento, con musica di sottofondo, a momenti di riflessione, in particolare durante la consegna degli attestati di merito conferiti alle associazioni presenti. Il tutto con l’obiettivo di scambiare i migliori auguri di Buone Feste.

     

    Brilla una Stella quest'anno è stata particolarmente caratterizzata da momenti di intrattenimento e condivisione con le scuole e le associazioni”, racconta la coordinatrice OSA Alessandra Caciolo, “questi due poli hanno rappresentato il cuore e, in un certo senso, la ricchezza dell’iniziativa”.  “Proprio per questo, continua Alessandra, durante la cena sociale la sinergia creata è stata magica e perfetta per l'atmosfera natalizia, come solo con tante realtà unite tra loro poteva accadere”.