• 13 giugno 2017

    Al Ferenstreetfood protagonista il Centro diurno OSA con la musica

    “Dobbiamo trovare strade nuove per dare la possibilitŕ ai nostri assistiti di esprimere le proprie attitudini”

    Una scena del musical

    Si è svolta il 10 e l'11 giugno scorsi la seconda edizione del Ferenstreetfood a Ferentino, rassegna gastronomica che ha avuto come protagonista il cibo e la musica.
     

    Numerosissime le persone che hanno preso parte alla manifestazione e che passeggiando per le vie del centro storico hanno potuto gustare prodotti tipici e non.
     

    In piazza Matteotti, invece, il pubblico è stato intrattenuto con l’esibizione dei ballerini provenienti dalle principali scuole di danza del paese. Ad aprire l’evento i ragazzi del Centro Diurno Luca Malancona gestito dalla Cooperativa OSA che hanno portato in scena un estratto del musical "Aggiungi un posto a tavola", per rimanere in tema food.
     

    “I ragazzi del Centro, Michela, Sara, Alessia, Cristian, Simone, Claudio, Antonio, Veronica e Luca, hanno animato il palco con una coreografia simpatica e divertente - ci spiega Alessandra, la coordinatrice della struttura - Grandi applausi anche per l’educatore Eleonora e gli operatori Franca, Angela, Stefania P., Stefania S. e Nicola che hanno calcato il palcoscenico come ballerini professionisti.
     

    Un lavoro di squadra davvero ben riuscito e che dimostra come la passione sia il motore di tutto sia nella vita che nel lavoro - prosegue Alessandra - Il gruppo è riuscito a coinvolgere tutti i presenti con la loro energia e spontaneità. Durante le settimane che hanno preceduto l'evento i ragazzi si sono impegnati molto nelle prove, l'educatore Eleonora ha seguito passo passo la loro preparazione e gli operatori hanno stimolato, supportato e incoraggiato sempre i ragazzi che, emozionati, hanno collaborato con entusiasmo”.
     

    L'assistente sociale Daniela Amante ha commentato che i ragazzi sono sempre disponibili a sperimentare esperienze nuove e durante la loro esibizione hanno dimostrato di sapersi mettere alla prova.
     

    “Credo - riflette Alessandra - che vadano sempre cercate strade nuove per dare la possibilità agli assistiti con disabilità di esprimere le proprie attitudini. Per loro è stato fonte di gioia e di orgoglio conquistare gli applausi della piazza. Ancora una volta hanno dimostrato a se stessi e ai loro cari di riuscire a superare le difficoltà e a sapersi calare perfettamente nei ruoli che vengono loro assegnati”.