• 18 Febbraio 2014

    Alzheimer, l'esercizio fisico rallenta il declino mentale negli anziani

    A rivelarlo una ricerca condotta dai ricercatori dell'Università americana di Pittsburgh

    Fare passeggiate due o tre volte alla settimana può rallentare il declino delle facoltà mentali in vecchiaia e rallentare la decorrenza dei sintomi di patologie come l’Alzheimer. Lo rivela una ricerca condotta dall’Università americana di Pittsburgh.

    Gli studi condotti dagli scienziati, su un campione composto da uomini e donne di età compresa fra i 60 a gli 80 anni, hanno evidenziato che l’attività fisica, svolta costantemente, aumenta del 3% la dimensione delle regioni cerebrali legate alla pianificazione e memoria (cioè la corteccia prefrontale e l’ippocampo).

    "Può sembrare un risultato modesto, ma in realtà è come spostare indietro l'orologio dell'età di circa 1-2 anni", ha detto il professor Kirk Erickson, neuroscienziato presso l'Università di Pittsburgh, nel corso della presentazione di questa ricerca.

    Infatti, le persone che hanno preso parte allo studio hanno ottenuto punteggi più alti nei test di memoria spaziale, e alcuni hanno riferito di sentirsi mentalmente meglio. Per la ricerca sono stati reclutati più di 100 adulti che hanno ammesso di fare poco se qualsiasi esercizio nella loro vita quotidiana. La metà dei partecipanti ha ricevuto il compito di camminare per 30 a 45 minuti tre volte alla settimana. Il resto ha speso la stessa quantità di tempo a fare esercizi di stretching.

    I test condotti hanno dimostrato che l’incremento delle due regioni cerebrali connesse alla memoria si è verificato in entrambi i gruppi. L’aumento principale, però, si è registrato nei soggetti a cui era stato affidato il compito di passeggiare.

    "Con modeste quantità di esercizio fisico, siamo stati in grado di accrescere la dimensione di queste strutture che in genere si deteriorano e precedono la perdita di quelle facoltà cognitive che spesso si verifica in vecchiaia e anche in persone con malattie neurodegenerative - ha detto Erickson -. I risultati della nostra ricerca suggeriscono che il declino mentale non è completamente inarrestabile”.

    Alla luce di questi risultati, gli scienziati hanno anche ipotizzato che inoltre, l'esercizio fisico potrebbe rallentare anche l'insorgenza di alcune forme di  demenza, come ad esempio l’Alzheimer.

    "La corteccia prefrontale è coinvolta in un sacco di funzioni cognitive di alto livello e l'ippocampo è coinvolto nella formazione della memoria e quando si restringe, porta a malattie come la demenza di Alzheimer – ha spiegato Erickson –. Certamente non abbiamo scoperto una cura per queste patologie, ma senz’altro abbiamo dimostrato che il costante esercizio fisico può essere un modo di rallentare il decorso della malattia”.