• 15-07-2019

    Arriva la nuova Lista OMS di farmaci essenziali

    Sono 51 i farmaci introdotti. Dal cancro alle malattie infiammatorie all’artrite reumatoide, i principali campi d’intervento

    Pubblicata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la Lista dei farmaci essenziali 2019, che ora annovera 51 componenti in più: se 23 farmaci riguardano l’ambito pediatrico, ulteriori 28 sono dedicati alle più varie patologie “adulte”. La Lista arriva, così, a 460 prodotti. Le aggiunte riguardano, tra gli altri, importanti medicinali biologici e biosimilari per l’artrite reumatoide e le malattie infiammatorie dell’intestino, una nuova formulazione della ben nota carbetocina per la prevenzione delle emorragie post-partum senza refrigerazione, anticoagulanti orali per prevenire l’ictus (come alternativa al warfarin), per la fibrillazione atriale e per il trattamento della trombosi venosa profonda. Sul fronte dei tumori, invece, sono state inserite 5 terapie inedite considerate, ad oggi, le migliori in termini di sopravvivenza per melanoma, cancro del polmone, del sangue e della prostata.

    Non solo: da segnalare anche le nuove indicazioni d’utilizzo per 26 farmaci già presenti (tra cui le categorie Aware degli antibiotici) e l’aggiornamento, molto consistente, della Lista dei Diagnostici. Per quanto riguarda quest’ultima, è stata effettuata l’aggiunta di una nuova sezione di esami tesa a monitorare le donazioni di sangue, per rendere le trasfusioni più sicure, e l’introduzione di 12 test per rilevare tumori del fegato, colon retto, collo dell’utero, prostata, seno, leucemia e linfoma, e diverse malattie infettive presenti nei paesi a basso e medio reddito (quali colera, dengue, zika e leishmaniosi), oltre a quelli già presenti per HIV, malaria, tubercolosi ed epatite. È stato inoltre aggiunto un nuovo test per l’influenza riservato a comunità povere di laboratori clinici, insieme a nuove rivelazioni per il livello di ferro, la tiroide e l’anemia falciforme.

    Se, come commenta il Direttore Generale dell’OMS Tedros Adhnanom Ghebreyesus, “nel mondo più di 150 Paesi si avvalgono della Lista dell’OMS per guidare le loro decisioni sui farmaci, sulla base di prove scientifiche e impatto sulla salute”, e “l’inclusione in questa lista di alcuni dei farmaci antitumorali più recenti e più avanzati è una dichiarazione forte secondo cui tutti meritano l’accesso a queste medicine salvavita, non solo coloro che possono permettersele”, si comprende allora la centralità di questa Lista e, soprattutto, del suo aggiornamento corrente sugli interventi terapeutici per i tumori e per le malattie croniche, vere spine nel fianco – tra gli altri - per il nostro Paese.

    [Fonte: Ansa.it/salute

    Clicca qui per approfondire (Eng)