• 8 luglio 2019

    Arteggiando, a Villa Fogliano una mostra e mille emozioni

    Esposte le opere realizzate con materiale di recupero dagli ospiti del Centro Diurno Salvatore Minenna gestito da OSA

    Alcune opere realizzate dagli ospiti del Centro Salvatore Minenna di Latina esposte a Villa Fogliano

    È stata inaugurata venerdì 5 Luglio “Arteggiando, usare l’arte per creare emozioni”, la mostra di opere realizzate dagli ospiti del Centro Diurno “Salvatore Minenna” di Latina, gestito dalla Cooperativa OSA, che è stata allestita all’interno della splendida cornice del parco Villa Fogliano. L’iniziativa, svolta con il patrocinio del Comune di Latina, degli Assessorati all’Ambiente e al Welfare, la partnership dell’Ente Parco Nazionale del Circeo e la collaborazione del Reparto Carabinieri Biodiversità di Fogliano, è stata l’occasione per far conoscere ed esporre oltre 100 creazioni tra quadri, sculture e oggetti come lampade, orologi da tavolo e appendiabiti, costruite dagli utenti della struttura riutilizzando materiali naturali, di recupero e di riciclo.

     

    La mostra, incentrata sui temi del rispetto dell’ambiente e la tutela del territorio, chiude infatti un percorso durato un anno che ha visto gli ospiti del Centro impegnati, insieme agli operatori OSA, in diversi laboratori dedicati alle tematiche ambientali. Molti dei materiali utilizzati per produrre le opere, come conchiglie, pezzi di legno, pedane di pallet, bottiglie di vetro o barattoli latta, sono stati raccolti dagli utenti nelle loro uscite comunitarie sul territorio, con l’obiettivo di raccontare le proprie emozioni attraverso l’arte nel pieno rispetto del pianeta.

     

    La giornata è iniziata al mattino con l’incontro tra gli ospiti del Centro “Salvatore Minenna” e i giovanissimi della Parrocchia di San Pio X a Borgo Isonzo, accompagnati dal parroco don Paolo e dalle educatrici. Un’occasione per rinsaldare il legame di amicizia tra due realtà del territorio e per condividere il percorso che ha portato alla realizzazione della mostra. Insieme all’educatrice OSA, Alessia Lisena, e ad alcuni utenti, i ragazzi della parrocchia hanno dapprima effettuato un breve tour dell’esposizione e successivamente hanno dipinto con le mani, insieme agli ospiti, un pannello decorativo, sistemato poi nel percorso espositivo insieme alle altre creazioni.

     

    Poco dopo le 16, Villa Fogliano ha accolto la cittadinanza, le famiglie degli “artisti”, gli operatori e gli utenti degli altri due centri diurni che OSA gestisce a Latina oltre a diversi esponenti dell’amministrazione comunale che non hanno voluto mancare al taglio del nastro. Presenti Cristina Leggio, assessore alle politiche giovanili, Silvio Di Francia, assessore alla cultura, Roberto Lessio, assessore all’ambiente e Patrizia Ciccarelli, assessore al welfare.

     

    Ilaria Tagliavia coordinatrice del Centro, ha portato ai partecipanti il saluto del presidente OSA, Giuseppe Milanese, ringraziando gli operatori che per un anno intero hanno collaborato con gli ospiti alla realizzazione delle opere. “Arteggiando è stata la sintesi perfetta di un anno di lavoro e per questo voglio ringraziare chi come i nostri operatori ogni giorno mette competenza e passione e si dedica con tutto il cuore e senza avvertire mai la fatica ai nostri ospiti. Abbiamo fatto grandi cose insieme. Come ha detto il drammaturgo Ionesco, un’opera d’arte è soprattutto un’avventura della mente, quindi benvenuti a tutti in questa nostra avventura”. “Ci tenevo – ha aggiunto - a ringraziare la Cooperativa OSA, in particolare il dott. Marcello Carbonaro e il dott. Giuseppe Taddeo, per aver creduto sin da subito in questo progetto ed averci supportato durante tutto il percorso. Un ringraziamento doveroso va anche all’amministrazione comunale che ci è stata vicina per questa iniziativa, all’Ente Parco Nazionale del Circeo e al Reparto Carabinieri Biodiversità di Fogliano. Desidero rivolgere, inoltre, un grazie di cuore ai giovanissimi della Parrocchia di San Pio X di Borgo Isonzo, al parroco don Paolo Lucconi, che ha presenziato all’evento, e alle educatrici dei ragazzi. Voglio esprimere gratitudine anche nei confronti di tutte le associazioni intervenute tra cui il Latina Basket, nella persona del presidente Lucio Benacquista, la Croce Rossa Italiana e le associazioni Diaphorà e il Gigante Buono”.

     

    Tanti cittadini hanno curiosato tra i tesori del mare che gli ospiti del Centro “Salvatore Minenna” hanno trasformato in quadri, sculture e suppellettili, passeggiando lungo il percorso espositivo all’interno della Villa e chiedendo informazioni agli operatori e agli utenti stessi sulle modalità realizzative delle opere, a conferma di un’integrazione piena tra OSA e il tessuto sociale della città.