• 11 aprile 2016

    Blu Day, il video del mimo danzante del Centro diurno OSA di Ferentino

    Una giornata ricca di emozioni in cui tutta la città si è tinta di blu per parlare di autismo

    ‘Una diagnosi di autismo non è la fine del mondo… ma l’inizio di un altro’.
    ‘Solo perché non posso parlare non significa che non ho nulla da dire’.
    ‘Io ci sono’.  ‘La diversità è normalità’. ‘Disabilità è possibilità’.
    ‘Le mie mani si dipingono di blu solo se tu sei con me’. ‘Diversi ma uguali’.
    ‘Un bambino autistico ha bisogno d’amore. Ascolta il tuo cuore e imparerai a vedere il mondo dal suo punto di vista’.
    ‘Impara ad ascoltare il mio silenzio. È ricco di parole’.


    Sono questi alcuni dei messaggi lanciati dagli studenti venerdì scorso, 8 aprile, durante il corteo organizzato per le vie storiche di Ferentino in occasione del ‘Blu Day’, la giornata dedicata alla consapevolezza sull’autismo e sulla disabilità.

     

    “Il Centro Diurno Disabili (Cdd) ‘Luca Malancona’ gestito dalla Cooperativa OSA - ci racconta Alessandra Caciolo, la psicologa coordinatrice del Centro - ha partecipato all’evento unendosi alla camminata e mettendo in scena due coreografie musicali interpretate dai ragazzi sotto la capace guida della maestra di danza Maria Cristina Celardi. C’è stato un grande spirito di affiatamento e di condivisione tra i ragazzi, gli operatori e Maria Cristina. I ragazzi sono stati felici e partecipi e hanno trasmesso la loro gioia coinvolgente a tutti i presenti. Un altro momento toccante della mattinata è stata l'esibizione canora come solista di uno dei ragazzi del Centro che ha interpretato ‘Io vagabondo’ dei Nomadi. Un grande lavoro di squadra frutto dell’impegno e dell’entusiasmo di ogni operatore della Cooperativa”.  

     

    Bellissimo il messaggio di vicinanza delle scuole anche durante l'esibizione dei ragazzi del Cdd, resa ancora più speciale dai tanti applausi e sorrisi ricevuti. Il presentatore ha ringraziato la Cooperativa OSA, il capo divisione sociale Marcello Carbonaro e la maestra Maria Cristina Celardi per la sensibilità e la disponibilità mostrata in questa occasione.

     

    “Ringraziamo per la loro presenza anche la delegazione di alcuni calciatori del Frosinone Calcio che si sono fatti fotografare dai nostri ragazzi, loro tifosi - prosegue Alessandra - e i ragazzi del Centro sociale integrato disabili di Frosinone gestito da OSA”. Grandissima è stata la partecipazione da parte delle scuole del territorio e delle associazioni che si occupano di disabilità.

     

    Tante le testimonianze dei genitori di figli con sindrome di autismo che hanno raccontato la loro vita colorata e diversa da tante altre.
    Toccante la testimonianza di una mamma di un ragazzo autistico che ha augurato al figlio e agli altri ragazzi di “avere la possibilità nella loro vita di realizzarsi perché le persone con autismo o disabilità in generale hanno delle risorse che devono trovare un contesto favorevole per poter essere espresse”.

     

    Guarda il profilo Facebook dell’iniziativa Ferentino si accende di Blu

     

    Il racconto video della giornata a cura di Angelo Pignataro: Blu Day - parte 1 e Blu Day - parte 2.