• 20 maggio 2016

    Celebrazioni del Mese Mariano a Villa Bianca e Casa Melissa

    Accolta in RSSA la Madonna della Chiesa di Sant'Antonio. Domenica visita al santuario di San Cosimo alla Macchia

    Nel collage alcuni momenti delle celebrazioni del Mese Mariano e la foto ricordo della visita al Santuario di S.Cosimo alla Macchia

    In occasione del Mese Mariano, gli ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa, le due Residenze Socio Sanitaria Assistenziali gestite dalla Cooperativa OSA a Mesagne, in provincia di Brindisi, hanno vissuto momenti di preghiera, condivisione e spiritualità. Lunedì 16 maggio, in serata, la RSSA ha accolto la Madonna della Chiesa di Sant'Antonio all'interno della sala polifunzionale di Villa Bianca, dove è stato allestito anche un piccolo altare. Fino a mercoledì 18, la Madonna è rimasta in struttura poi, dopo la celebrazione della Santa Messa delle 19, è stata trasportata in un altro luogo. “Non solo a Mesagne, ma anche nei paesi vicini, è tradizione, durante il mese di maggio, che è il Mese Mariano, ospitare per tre giorni la Madonna nelle varie case. La comunità del quartiere si unisce in preghiera, recitando il rosario. È stato così anche per i nostri ospiti che hanno accolto la Madonna nella loro casa - spiega l'educatrice Francesca Molfetta - e tutto questo è stato possibile grazie alla presenza delle Suore in struttura: la Madre Superiora Suor Margherita, Suor Lucia e Suor Beata”.

     

    IL SANTUARIO DI SAN COSIMO ALLA MACCHIA. Domenica 15 maggio, invece, alcuni ospiti di Casa Melissa e Villa Bianca sono stati accompagnati dalle educatrici Francesca Molfetta e Jenny Delli Santi e dalla OSS Fabiana Galasso al Santuario di San Cosimo alla Macchia, luogo di culto molto conosciuto in Puglia, situato ad Oria, suggestivo paesino della provincia di Brindisi. Qui ogni domenica si celebra la Messa e viene organizzato un mercatino. La visita al Santuario ha rappresentato un'occasione speciale soprattutto per un'ospite di Villa Bianca, la signora Addolorata. “Noi educatrici abbiamo voluto realizzare il desiderio della signora Addolorata che, da tempo, ci chiedeva di poter andare a San Cosimo – racconta ancora Francesca – questo sua richiesta è stata finalmente esaudita domenica scorsa”.