• 2 maggio 2019

    Centro Diurno OSA Le Tamerici, alla scoperta dei libri multisensoriali

    Nella struttura di Latina, gli ospiti realizzano questo strumento educativo-riabilitativo insieme alle operatrici

    Operatrici e utenti realizzano insieme libri multisensoriali al Centro Diurno Le Tamerici di Latina gestito da OSA

    Si chiamano libri multisensoriali. Gli utenti del Centro Diurno “Le Tamerici” di Latina, gestito da OSA, li realizzano utilizzando carta, stoffa e altri materiali insieme con le referenti dei due laboratori dedicati a queste attività, Suela e Annarita, che lavorano con grande attenzione e passione. L'idea di strutturare questo progetto attraverso il laboratorio è nata da un'esigenza precisa. “Avevamo bisogno di uno strumento educativo-riabilitativo per poter lavorare con e per gli utenti con diagnosi di disturbo dello spettro autistico ma anche con gli utenti con disabilità medio-grave”, racconta Rosaria Donatiello, coordinatrice del Centro. “Dopo alcuni mesi di analisi e di studio insieme alle operatrici – aggiunge – abbiamo pensato di realizzare questi strumenti di lavoro per rispondere più adeguatamente, dal punto di vista educativo, ai bisogni dei nostri ospiti cercando di favorire in tal modo una migliore crescita sotto il profilo psico-socio-cognitivo”.


     

    Gli utenti, lavorando alla creazione dei libri multisensoriali, mantengono e potenziano le loro capacità residue quali attenzione, concentrazione, coordinazione. “Fanno un percorso riabilitativo su loro – sottolinea ancora Rosaria Donatiello – in cui stabilizzano e migliorano la consapevolezza e la percezione che hanno di se stessi. Inoltre aumentano l'autostima perché questa attività è associata al lavoro e ciò consente agli utenti di affermarsi come persone. Producono qualcosa per loro e per i compagni, quindi per il bene comune”.


     

    Nel corso della realizzazione dei libri viene stimolato tutto l'assetto sensoriale dell'utente. “Si interviene sui 5 sensi, agendo sugli aspetti cognitivi e di apprendimento - spiega ancora la coordinatrice della struttura -. Si lavora su ambiti come concentrazione, attenzione, classificazione, apprendimento, interiorizzazione e consolidamento degli aspetti della vita reale.Tutti i libri realizzati sono, infatti, centrati sul principio di realtà e di vita quotidiana. Utilizzando un oggetto ludico, costruito con colori e materiali diversi, favoriamo l'interiorizzazione di concetti di base. In sostanza, vengono toccati tutti gli aspetti della vita quotidiana di una persona, con elementi semplici e attraverso un'attività ludica. Partiamo dal concetto di sé e dallo schema corporeo ed arriviamo agli aspetti reali come la casa e la famiglia, sviluppando o rafforzando 'il senso di appartenenza'. Poi lavoriamo anche sull'idea di mondo esterno, sull'aspetto sociale, partendo dagli elementi della natura come piante o animali”.


     

    I libri multisensioriali non verranno utilizzati solo per interventi riabilitativi per così dire “interni”, quindi non esclusivamente per rispondere ai bisogni educativi degli ospiti de “Le Tamerici”, ma saranno anche impiegati dagli operatori della Cooperativa OSA che lavorano nel servizio d'integrazione scolastica di minori con disabilità. Inoltre saranno dati ad associazioni del territorio che lavorano con utenti con livelli di disabilità medio-grave e potranno trarre dei benefici educativi importanti dall'uso di questo strumento.