• 18 novembre 2019

    Centro Diurno Salvatore Minenna, tutto pronto per la Festa dell'Albero

    Il 21 novembre la seconda edizione. Gli ospiti e gli operatori OSA promotori dell'impegno verso il verde

    Il Centro Diurno Salvatore Minenna, gestito da OSA a Latina, ha organizzato la seconda edizione della Festa dell'Albero

    Il momento migliore per piantare un albero era vent’anni fa. Il secondo è adesso” è la citazione del filosofo cinese Confucio scelta per accompagnare la seconda edizione della Festa dell’Albero, manifestazione organizzata giovedì 21 novembre dal Centro Diurno del Comune di Latina Salvatore Minenna, gestito dalla Cooperativa OSA. L’evento, in programma presso la struttura di via Mugilla dalle ore 9.30 alle ore 12.00, si svolge in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi, istituita dal Ministero dell’Ambiente con l’intento di promuovere le politiche di riduzione delle emissioni, la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all'albero e la vivibilità degli insediamenti urbani.

     

    IMPEGNO VERSO L'AMBIENTE. Gli ospiti e il personale del Centro, insieme agli studenti delle scuole della città, saranno promotori di un messaggio di impegno collettivo e condiviso per la rinascita del verde e del rispetto per l’ambiente. Durante la giornata, aperta alle associazioni territoriali e alla cittadinanza, verranno infatti accolte alcune classi della scuola secondaria “Giuseppe Giuliano” e del Liceo Artistico Statale di Latina. All’iniziativa collaboreranno inoltre i ragazzi dell’IPA San Benedetto di Borgo Piave che doneranno agli ospiti del Centro due alberi. Si tratta di un Carrubo e di una Ginkgo Biloba, che i partecipanti pianteranno insieme nell’area verde della struttura seguiti dai tecnici dell’azienda agricola dell’Istituto Agrario.

     

    ATTIVITÀ NEL SEGNO DELLA CONDIVISIONE. Nel corso della Festa saranno proposte diverse attività in cui gli studenti e gli ospiti del Centro saranno gli assoluti protagonisti. I ragazzi presenteranno un racconto incentrato sulla storia degli alberi piantati, mentre gli alunni del Liceo Artistico realizzeranno dei disegni dal vivo per raccontare visivamente i momenti salienti dell’intera manifestazione. Verrà inoltre attivato un laboratorio sensoriale rivolto agli ospiti e ai loro parenti in cui gli studenti ed i professori dell’Istituto Agrario faranno conoscere le caratteristiche delle piante aromatiche ai partecipanti. Durante l’incontro sarà offerta una merenda tradizionale a base di pane tostato, sale, olio e marmellate biologiche, accompagnata da un intermezzo musicale a cura della “Banda dei Briganti”, gruppo musicale dell’Istituto San Benedetto.

     

    PERCORSO DI INTEGRAZIONE CON IL TERRITORIO. “A nome della Cooperativa OSA un sentito ringraziamento va agli ospiti e agli operatori del Centro Diurno Salvatore Minenna per l'impegno e la dedizione con cui portano avanti idee, progetti e iniziative. Ringrazio anche l'Istituto San Benedetto per il valore aggiunto che la loro collaborazione apporta alla nostra manifestazione”, ha affermato Marcello Carbonaro, responsabile della Divisione Sociale di OSA. “Siamo particolarmente felici di realizzare la seconda edizione della Festa dell’Albero con la preziosa collaborazione degli studenti dell’Istituto Agrario San Benedetto - ha aggiunto Ilaria Tagliavia, coordinatrice del Centro -. La loro presenza, unitamente a quella della scuola 'Giuseppe Giuliano' e di tutti coloro che parteciperanno con gioia all’evento, è il segno tangibile del grande percorso di socializzazione ed integrazione con il territorio che rappresenta lo spirito del nostro lavoro e che la Cooperativa OSA e il Centro Diurno Salvatore Minenna stanno portando avanti da diverso tempo”.

     

    UNA FESTA PER STARE INSIEME. Secondo l’Assessore comunale alle Politiche di Welfare e Pari opportunità Patrizia CiccarellI: “L’inclusione sociale, la qualità delle relazioni, la cura per l’ambiente che ci circonda sono il fulcro intorno al quale ruotano le nostre politiche di welfare. I nostri centri diurni sono diventati la punta avanzata di queste politiche e l’iniziativa del 21 novembre, in occasione della Festa dell’Albero ne è la conferma. Una festa, certamente, per stare insieme in allegria da condividere con l’intera comunità cittadina, ma anche un momento di riflessione sul valore inestimabile del nostro patrimonio boschivo e naturalistico che va tutelato con attenzione e costanza”.