• 20 luglio 2015

    Disabili, al via primo campo di addestramento per calamità naturali

    Dieci giorni fra i boschi della Sila per insegnare ai non vedenti tecniche di soccorso, orientamento e mobilità

    Noi lo facciamo, e tu?, l'iniziativa di protezione civile per i non vedenti e ipovedenti

    Si chiama 'Noi lo facciamo, e tu?' ed è la prima iniziativa di protezione civile rivolta alle persone con difficoltà visive. Il progetto, che parte oggi e si conclude il prossimo 1 agosto, insegnerà a 15 non vedenti ed ipovedenti e a 10 pluriminorati le tecniche di soccorso da attuare in caso di calamità naturali. Si tratta di un vero e proprio campo di addestramento, svolto fra i boschi del parco nazionale della Sila, nella provincia di Cosenza, con corsi di sopravvivenza, di orientamento e di mobilità condotto da 20 persone fra accompagnatori, tecnici e operatori.

    I partecipanti sono stati selezionati dalla sezione provinciale dell'Irifor (Istituto per la ricerca, formazione e riabilitazione), dall'Unione italiana dei ciechi ed ipovedenti e dall'Univoc (Unione nazionale volontari pro ciechi). 

    "Stiamo coinvolgendo le famiglie per cominciare un percorso nuovo di protezione civile - spiega Pino Bilotti, presidente provinciale dell'Unione ciechi di Cosenza - In questo caso il campo è rivolto ai non vedenti ed è la prima volta che un'iniziativa del genere viene realizzata in Italia".