• 19 settembre 2019

    Gli ospiti del Csi di Frosinone in viaggio con il progetto Solidiamo

    Grazie alla collaborazione del Comune, gli utenti e i loro familiari hanno visitato mete divertenti e suggestive

    Gli ospiti del Centro Sociale Integrato OSA di Frosinone durante uno dei viaggi organizzati nell'ambito del progetto Solidiamo

    I suggestivi Giardini di Ninfa vicino Latina, il parco divertimenti Zoomarine a Torvaianica e, appena qualche giorno fa, il Santuario di Castelpetroso in Molise. Sono le tre mete visitate dagli ospiti del Centro Sociale Integrato (Csi) di Frosinone, gestito da OSA, grazie ai compensi devoluti per questo scopo dall’Amministrazione Comunale del capoluogo ciociaro nell’ambito del progetto “Solidiamo”, rivolto agli studenti più meritevoli (e non solo). Accompagnati dagli educatori della Cooperativa, gli ospiti del Centro hanno trascorso momenti di divertimento, condivisione e socialità affrontando in totale sicurezza questi tre viaggi a carattere ludico, culturale e ambientale.

     

    VIAGGI A MISURA DI OSPITE. Programmate da un’agenzia di viaggi del territorio, scelta a seguito di una regolare indetta dal Comune, le uscite sono state infatti progettate per rispondere appieno alle esigenze dei singoli partecipanti, offrendo loro percorsi facilitati, servizi e luoghi adatti a trascorrere il pranzo e le fasi ricreative. Insomma, quelli vissuti dai ragazzi della struttura gestita dalla Cooperativa OSA, dagli operatori e dai loro familiari sono stati viaggi divertenti ma soprattutto inclusivi. “Per la scelta delle destinazioni – spiega Anna Caterina Fabrizi, coordinatrice del Centro Sociale Integrato di Frosinone – si è tenuto conto dei diversi bisogni dei partecipanti, curando sia gli aspetti ludico-ricreativi, vissuti in particolare durante l’esperienza a Zoomarine, sia quelli religiosi, molto sentiti dai familiari dei nostri ospiti”.

     

    GRAZIE DI CUORE. I ringraziamenti per la piena riuscita dell’iniziativa sono tanti. “Grazie alla consolidata collaborazione tra l’Associazione dei Familiari del Centro – AFAF e la nostra Cooperativa – sottolinea ancora la coordinatrice OSA – siamo riusciti a programmare nel migliore dei modi questi tre viaggi. Inoltre, un particolare ringraziamento va a Simona, Laura, Antonella, Tonino, Randolfo e Annarita, e tutti gli altri educatori della Cooperativa che, con la professionalità che ormai li contraddistingue, hanno reso queste giornate un momento di reale interscambio tra i diretti fruitori dei nostri servizi che non solo sono gli ospiti del Centro, ma anche i loro familiari”.