• 18 febbraio 2020

    Il bel canto a Villa Bianca e Casa Melissa

    Nelle residenze di Mesagne (Br) gestite dalla Cooperativa OSA un concerto per stimolare gli ospiti al ricordo

    Un momento dello spettacolo “Arie di memoria” con il soprano Flavia Muri e il maestro Federico dell’Olivo

    Le dolci note del pianoforte e il bel canto protagonisti assoluti di una serata carica di suggestioni ed emozioni che ha coinvolto gli ospiti e i familiari di Villa Bianca e Casa Melissa, le Residenze Socio Sanitarie Assistenziali, gestite a Mesagne (Br) dalla Cooperativa OSA.

    Lunedì 17 febbraio 2020 si è svolto nella sala polifunzionale della struttura il concerto “Arie di Memoria” con la partecipazione del soprano Flavia Muri, accompagnata al pianoforte dal maestro Federico dell’Olivo.

    L’appuntamento fa parte di un articolato programma di attività socio-educative del laboratorio “Memorie minerali” curate da Tony Bottazzo e la Compagnia Teatrale e Culturale “AttoTerzo” in collaborazione con l'équipe delle educatrici OSA e avviato nei mesi scorsi con un percorso di musicoterapia.

     

    Nel corso della serata sono stati eseguiti brani celebri della tradizione operistica, di musica sacra, della canzone popolare italiana e del Caffè-concerto, attraverso un itinerario sonoro poliedrico ed evocativo che ha messo in risalto le notevoli qualità canore e le doti espressive della giovane soprano Flavia Muri.

    Puccini, Satie, la canzone napoletana, una colonna sonora di Ennio Morricone, ma anche le Ave Maria di Schubert e Gounod sono i brani e gli autori scelti dagli interpreti e dal curatore per stimolare gli ospiti a riappropriarsi del proprio vissuto attraverso la musica.

     

    “Memorie minerali vuole essere per ogni ospite della struttura innanzitutto un viaggio a ritroso nel tempo per ricordare a ognuno le proprie radici e la propria cultura”, raccontano le educatrici della RSSA insieme a Tony Bottazzo: “Con i musicisti abbiamo concordato un repertorio familiare nel quale tutti potessero riconoscersi in modo da stimolare la memoria e contribuire a recuperare quelle attività cognitive che il trascorrere del tempo può aver compromesso. Nel corso dell’anno musicisti, ballerini, attori e poeti offriranno la loro arte, seguendo un calendario di appuntamenti rivolto agli ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa e ai loro parenti, ma anche alle associazioni culturali e sociali del territorio”.