• 5 aprile 2018

    Il video-urlo di OSA contro i pregiudizi sull'autismo

    La storia di S., da più di 10 anni assistito dal Centro diurno 'Luca Malancona' di Ferentino

    È un video-urlo contro i pregiudizi sull’autismo quello realizzato dal Centro diurno ‘Luca Malancona’ di Ferentino gestito dalla Cooperativa OSA per aderire alla campagna nazionale #sfidAutismo18 lanciata da Fondazione Autismo dal 2 al 15 aprile.
     

    Tra gli utenti del Centro protagonisti dell’urlo c’è S., un ragazzo che soffre dello spettro autistico.
     

    “S. comunica con il sorriso e con i gesti sia con i compagni che con gli operatori - ci spiega la coordinatrice Alessandra - Da quando frequenta il Centro sono passati più di 10 anni e siamo felici che il suo livello di autonomia, la sua capacità di relazionarsi con gli altri sia notevolmente migliorata.
     

    S. è solare, spiritoso, sensibile. È un ottimo comunicatore. La sua gioia contagia le nostre giornate all'interno del Centro, durante lo svolgimento delle varie attività a cui partecipa, dal laboratorio grafico-espressivo, motorio e di cucina al potenziamento dell'autonomia di base e sociale.
     

    S. si muove in un ambiente familiare, accogliente che lo aiuta a far emergere le sue capacità e a potenziarle. Il video-urlo è per noi un’occasione importante per ribadire quello che facciamo ogni giorno per i nostri ragazzi con disabilità.”
     

    Per questo motivo l'educatrice Eleonora, coinvolgendo anche gli operatori Stefania P., Stefania S., Sara S., Franca, Angela, Emilia e Nicola, ha deciso di far realizzare ai ragazzi un ‘treno’ carico di uguaglianza, amore, fratellanza e solidarietà per tutti.
     

    “Gli utenti del Centro - ha spiegato Alessandra - hanno preparato dei vagoni da ‘indossare’. La locomotiva di colore blu, il colore dell'autismo, è guidata da S. e i vagoni, tutti colorati, sono uniti tra di loro con le mani dei compagni. Abbiamo scelto il treno per simboleggiare attraverso il collegamento tra un vagone e l’altro il concetto della comunicazione come interazione tra persone. Ogni vagone si lega al precedente e al successivo, come accade nella comunicazione tra persone. 
     

    Per questo riteniamo che il potenziamento dell'aspetto della comunicazione e dell'interazione e socializzazione nelle varie forme di autismo sia l'obiettivo fondamentale del lavoro che deve essere intrapreso con le persone autistiche.
     

    L'autonomia sociale, il saper essere in relazione con gli altri, la condivisione di gesti, interazioni ed emozioni è importante per lo sviluppo dell'autostima e della personalità, per aiutare i ragazzi con autismo a comunicare all'esterno il proprio mondo interiore. S. e gli altri ragazzi del Cdd sono gioielli rari che hanno un mondo interno che se svelato coinvolge, trascina e affascina.”
     

    Il lavoro di équipe da parte delle diverse figure professionali che lavorano nel Centro diurno è molto importante per favorire l’autonomia e la capacità di relazione. Richiede tenacia, costanza, fantasia, creatività, pazienza e sensibilità.
     

    “Lavoriamo per obiettivi e definiamo una strategia comune. È una sfida quotidiana ed è importante dedicare il giusto tempo e attenzioni al nostro S.. Non dobbiamo mai dare per scontato che la comprensione e la comunicazione siano insite nelle relazioni umane. Dobbiamo lavorare - conclude la coordinatrice - come cesellatori per supportare e stimolare S.. Il nostro compito è decodificare quello che S. vuole dire, aiutarlo a trovare il modo migliore per esprimere le sue emozioni, le sue paure e i suoi desideri. Per questo quando lavoriamo con i nostri ragazzi con disabilità ci mettiamo cuore e mente. Il responsabile della Divisione sociale Marcello Carbonaro è orgoglioso del lavoro di squadra degli operatori e all'accoglienza che riserviamo ai nostri ragazzi.”