• 24-10-2018

    Influenza: ottobre è il mese migliore per vaccinarsi

    Al via la settimana europea di informazione sulla influenza promossa da OMS e ECDC

    Anche gli operatori sanitari sono ad alto rischio contagio

    È partita la ‘Flu Awareness Week 2018’, settimana di sensibilizzazione sull'influenza, promossa dall'Ufficio europeo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Obiettivo dell'iniziativa, cui aderisce il Centro europeo per il controllo delle malattie (ECDC), è aumentare il ricorso al vaccino anti-influenzale, soprattutto nelle fasce di popolazione a rischio.

     

    EPIDEMIA DA NON SOTTOVALUTARE

    Ogni anno in Europa ci sono tra le 15mila e 70mila persone che muoiono per cause legate all'influenza. Nell'emisfero settentrionale la stagione influenzale si ha tra novembre e maggio, quindi ottobre è il mese giusto per vaccinarsi. L'influenza di solito non è forte e si guarisce in fretta, ma alcune persone sono ad alto rischio di complicazioni, che in alcuni casi possono anche rivelarsi letali: sono gli anziani, le donne incinte, i bambini e chi ha malattie croniche. A questi si aggiungono gli operatori sanitari, che ogni giorno sono esposti a più virus e dovrebbero vaccinarsi per proteggere se stessi e i pazienti.

     

    INFLUENZA: ALTI COSTI SOCIALI ED ECONOMICI

    Prevenire l'influenza, spiega l'ECDC, è importante anche per il peso che ha sulla salute dei cittadini europei. Si stima che circa il 30% delle malattie infettive in Europa sia dovuto all'influenza e che fino a 50 milioni di persone ogni anno ne siano colpite. A livello globale si stima che le morti per malattie respiratorie dovute all'influenza siano tra 290mila e 646mila. A tutto ciò vanno aggiunte comunque, nei casi in cui non ci sono complicazioni, le assenze dal lavoro, la perdita di produttività e la pressione sui servizi socio-sanitari. L'influenza è una malattia dagli alti costi sociali ed economici, conclude l'ECDC, e la vaccinazione è il miglior modo per prevenirla. Dal momento che il virus cambia, anche il vaccino ogni anno deve essere modificato nella sua composizione, in base ai virus circolanti.

     

    (Fonte: Ansa Salute)

     

     

    Per approfondimenti visita le pagine dedicate del Centro europeo per il controllo delle malattie ECDC