• 04-07-2019

    La salute è preziOSA impreziosisce l’Assemblea Generale

    Il bilancio del progetto di prevenzione e promozione della salute lanciato da OSA in occasione dello scorso 27 giugno

    Il Presidente Milanese durante la registrazione al desk

    Sono decisamente positivi, i dati relativi al progetto "La salute è preziOSA", l’iniziativa lanciata da OSA quest’anno in occasione dell’Assemblea dei Soci di Roma, col fine di promuovere il più possibile la prevenzione e l’importanza della salute per tutti, anche per chi si occupa di curarla, come ad esempio gli operatori.

    Grazie alle due unità mobili di Nontiscordardimé, posizionate esattamente in prossimità dell’entrata dell’Auditorium del Santuario del Divino Amore, è stato possibile per i partecipanti volontari sottoporsi ad un check-up completo (pressione arteriosa, glicemia, trigliceridi, colesterolo, saturazione ossigeno) semplicemente compilando un modulo anagrafico e informativo, da ritirare all’apposito desk, ed entrando in una delle due unità, dove l'équipe OSA, in maniera rapida ed efficace, ha provveduto ad effettuare le relative misurazioni con risultati immediati.

    I parametri rilevati sono stati riportati nella parte inferiore dello stesso modulo presentato, con una scala da "nella norma" a "da monitorare". I partecipanti sono stati poi invitati, al termine del check-up, a compilare un breve questionario di gradimento, dove poter anche esprimere eventuali richieste aggiuntive.

    Secondo i dati emersi, i partecipanti, tra cui il Presidente G. Milanese, sono stati 61: 22 uomini e 39 donne, di cui 52 soci OSA e 9 non soci, con età media di 43 anni. 23 dei sottoposti al check-up si sono dichiarati fumatori. Da rilevare, poi, la scarsa attività fisica dichiarata: su una scala da 1 a 10, proposta dal modulo, la media rilevata è solamente di 3.8.

    In termini di risultati, i valori emersi come maggiormente a rischio sono da un lato i trigliceridi, dall’altro il colesterolo – in entrambi i casi, troppo alti in molti partecipanti. Laddove questi o altri parametri venissero rilevati borderline, il singolo partecipante veniva subito inviato dal medico Nicola Froio, che, refertando il caso in tempo reale, forniva un consulto in merito.

    "Le persone che mi sono state inviate dopo gli esami", dichiara Froio, "avevano un elevato valore di trigliceridi, oppure di colesterolo, o di entrambi, frutto in genere dello stile di vita disordinato (molta sedentarietà e poco moto) e delle cattive abitudini alimentari. In alcuni dei partecipanti al check up abbiamo riscontrato, inoltre, valori aumentati della pressione arteriosa: anche a loro è stato consigliato di rivedere innanzitutto abitudini alimentari (per esempio, dieta troppo ricca di sale) e stile di vita (fumo, scarsa attività fisica). Quest’indagine condotta in occasione dell’Assemblea, comunque, ha riconfermato l’importanza dell’educazione alimentare (valorizzare, ad esempio, la dieta mediterranea) e dello stile di vita sano (praticare attività fisica, non fumare)".

    Per quanto riguarda le schede di gradimento, ne sono state compilate 48, con un indice di apprezzamento (da indicare) in media di 9,6. Tra i commenti e le richieste aggiuntive, molti hanno espresso il desiderio di ulteriori esami (elettrocardiogramma, ad esempio), unitamente a richieste di maggior coinvolgimento durante il check e a molti ringraziamenti per l’iniziativa.

    "Il senso di questo progetto è stato quello di rinverdire la comunità OSA, che nasce come una grande famiglia e tale è sempre rimasta, col suo senso di fratellanza e di appartenenza", dichiara Anna Maria Marchesi, Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione OSA. "La propria sicurezza in fatto di salute", continua, "riguarda tutti, e deve essere percepita come bisogno e come necessità. Ognuno di noi ha il diritto e il dovere di prendersi cura della propria salute, dagli operatori agli assistiti. L’obiettivo principale del progetto è stato proprio quello di fornire questo input, e in vista del prossimo anno ci prepariamo a portarlo in tutte le regioni e in tutte le Assemblee OSA".