• 15 giugno 2018

    Libera e partecipata: ecco l'Assemblea Separata dei soci OSA in Puglia

    Un momento di confronto per i soci di Foggia e di Mesagne riuniti oggi nell'Auditorium San Giovanni Paolo II

    Un momento dell'Assemblea Separata dei soci OSA in Puglia

    Libera e partecipata. Si potrebbe definire con queste due parole l'Assemblea Separata dei soci pugliesi di OSA, andata in scena questo pomeriggio nell'Auditorium del complesso parrocchiale San Giovanni Paolo II di Mesagne e trasmessa in diretta Facebook sulla pagina della Cooperativa, ultimo appuntamento territoriale prima dell'Assemblea Generale di Roma del prossimo 27 giugno.

     

     

    SOCI E ASSISTITI INSIEME. In platea una nutrita rappresentanza dei 235 soci pugliesi che fanno parte della Cooperativa: gli operatori che lavorano per il servizio ADI a Foggia e nelle due Comunità Riabilitative Assistenziali Psichiatriche OASI e San Cristofaro insieme ai soci lavoratori che assistono gli anziani e le persone con disabilità a Villa Bianca e Casa Melissa a Mesagne. E poi tanti assistiti come Nerina e Maurizio che ascoltano Michele che accenna con la chitarra alcune note di “Piazza Grande” di Lucio Dalla. Insieme a loro, al tavolo dei relatori vicino al presidente di OSA, Giuseppe Milanese, anche Antonio Russo, che lavora da due anni come chef all'interno della Residenza Mesagne e apre ufficialmente i lavori con un breve discorso che fa emozionare tutti. Insomma, un'atmosfera di festa e di condivisione, ma anche e soprattutto un'occasione di confronto come spiega il presidente Milanese: “Questa Assemblea pugliese è l'ultimo incontro territoriale che abbiamo organizzato dopo quelli di Bellagio, L'Aquila e Palermo. Organizziamo da sempre questi momenti per dare la possibilità ai nostri soci di partecipare in maniera consapevole e informata alla vita e alle decisioni della Cooperativa”.

     

    I LAVORI. È stata la relazione sul bilancio d'esercizio al 31 dicembre 2017, illustrata dall'amministratore delegato di OSA, Flaviano Ponziani, a far entrare nel vivo i lavori assembleari con il primo punto all'ordine del giorno. Una panoramica sui numeri messi insieme nel 2017 dalla Cooperativa, cresciuta in termini di assistiti, soci e fatturato secondo un trend positivo che si conferma costantemente di anno in anno. I soci pugliesi, ascoltato l'intervento di Ponziani e la relazione tecnica del presidente del collegio sindacale Andrea Perrone, approvano all'unanimità il documento. “Dal 1997 ad oggi OSA è cresciuta ogni anno – ha ricordato Milanese – e per questo io provo gratitutidine per quello che fate ogni giorno. La Cooperativa cresce solo grazie al lavoro di ciascuno di voi”. Poi l'assemblea pugliese ha approvato, sempre all'unanimità, il secondo punto all'ordine del giorno relativo alla nomina del nuovo organo amministrativo. Nicola De Flandre, capo commessa Puglia, e il dott. Carmine Devicienti della Residenza Mesagne, in qualità di supplente, sono invece i delegati a partecipare all'Assemblea Generale di Roma.

     

    PREMIO CRISPONI. Quindi l'Assemblea Separata pugliese ha vissuto un altro importante momento con l'assegnazione del Premio intitolato a Vittorio Crisponi. Il riconoscimento, giunto alla sua decima edizione, che OSA conferisce a quei soci che si sono particolarmente distinti per professionalità e impegno. Al termine delle operazioni di spoglio, i soci pugliesi hanno indicato come vincitori Maria Angelicchio, coordinatrice CRAP OASI e Fabio Denitto per la RSSA Mesagne.