• 03-12-2018

    Noli me tangere: nessuna giustificazione per la violenza

    Scuola, istituzioni, servizi sociali e rete del volontariato si mobilitano a Ferentino contro la violenza di genere

    Lo striscione proposto dal Centro Luca Malancona di Ferentino (Fr)

    Anche quest’anno i ragazzi del Centro diurno semiresidenziale ‘Luca Malancona’ di Ferentino (Fr), gestito dalla Cooperativa OSA, hanno partecipato all’appuntamento ‘#Rosso come Passione Amore Vita’ contro la violenza di genere promosso dall’Associazione ‘Il Mosaico’, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Frosinone.

     

    L’iniziativa si è svolta per celebrare il 25 novembre, giornata scelta dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per ricordare in tutto il mondo le donne vittime di violenza e maltrattamenti.

     

    La manifestazione, che si è svolta venerdì 30 novembre presso la capiente palestra dell’istituto superiore ITIS Don Morosini, ha chiamato a raccolta le scuole di ogni ordine e grado della cittadina ciociara: dirigenti, insegnanti, alunni, ma anche associazioni di volontariato e culturali, centri sportivi, la rete dei servizi in aiuto alle famiglie e le principali istituzioni del territorio,  tutti insieme per dire no ad ogni forma di violenza e di discriminazione uomo-donna e per promuovere e diffondere la cultura del rispetto della persona.

     

    Ogni partecipante ha indossato un accessorio rosso e portato con sé cartelloni e striscioni, creati per l’occasione con l’obiettivo di testimoniare che la violenza non si giustifica per nessuna ragione al mondo. In particolare gli allievi delle scuole di Ferentino si sono esibiti in performance, flash mob, balletti, interpretando a modo loro i contenuti e i temi della giornata.

     

    Gli assistiti del Centro Malancona hanno risposto all’invito e, con il supporto dell’educatrice Eleonora e degli operatori Sonia, Stefania P., Nicola, Angela e Lucia, hanno realizzato uno striscione che, con la frase “Noli me tangere” ha inteso riassumere la filosofia di approccio al tema: la ‘sacralità’ di ogni persona e delle donne in particolare.

     

    “E’ importante che anche i ragazzi del Centro condividano con la comunità di Ferentino una esperienza così emozionante di socializzazione e discussione attorno ad un tema, quale la violenza di genere, che li riguarda come cittadini – ci spiega la Coordinatrice del Centro Malancona Alessandra Caciolo - . Sviluppare la consapevolezza e la capacità di giudizio critico è un requisito fondamentale per migliorare l’autonomia ed essere in grado di gestire la propria vita, che è uno tra gli obiettivi principali del nostro lavoro.”