• 5 settembre 2016

    Nomine direttori generali delle Asl, arriva l'elenco nazionale

    In Gazzetta Ufficiale il decreto con le nuove norme. Entrerà in vigore il prossimo 18 settembre

    In Gazzetta Ufficiale il decreto con le nuove norme per le nomine dei dg di Asl, aziende ospedaliere e policlinici universitari

    È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legislativo previsto dall'articolo 11 della Legge delega Madia che disciplina il conferimento degli incarichi per i direttori generali, sanitari, amministrativi e socio-sanitari delle Asl, delle Aziende ospedaliere e universitarie. La novità è rappresentata dalla creazione di un elenco nazionale, presso il Ministero della Salute, contenente i soggetti idonei a ricoprire l'incarico. Il testo entrerà in vigore prossimo il 18 settembre 2016.

     

    La scelta dei nuovi direttori generali da parte delle Regioni potrà avvenire quindi solamente tra gli iscritti all'elenco nazionale che dovrà essere aggiornato ogni due anni. Con cadenza biennale verrà nominato anche una Commissione composta da cinque esperti, deputati alla formazione dell'elenco nazionale degli idonei. I componenti della Commissione possono essere nominati una sola volta e restano in carica per il tempo necessario alla formazione dell’elenco. La commissione dovrà procedere alla formazione dell’elenco nazionale entro 120 giorni dalla data di insediamento. Alla selezione sono ammessi i candidati che non abbiano compiuto 65 anni di età in possesso di: a) diploma di laurea; b)comprovata esperienza dirigenziale, almeno quinquennale, nel settore sanitario o settennale in altri settori, con autonomia gestionale e diretta responsabilità delle risorse umane, tecniche e o finanziarie, maturata nel settore pubblico o nel settore privato; c) attestato rilasciato all’esito del corso di formazione in materia di sanità pubblica e di organizzazione e gestione sanitaria.

     

    Le disposizioni contenute nel provvedimento sono applicabili anche alle Regioni a Statuto speciale ed alle Province autonome di Trento e di Bolzano compatibilmente con i relativi statuti. 

     

    Leggi il testo del decreto

     

    Fonte: Quotidiano Sanità