• 13 febbraio 2017

    Nontiscordardimé Senior, mettere al centro persone bisognose di cure

    Intervista all'infermiera della Cooperativa OSA, Alessandra Ritrovato. Ieri visite nutrizionali a Dragona

    L'unità mobile del progetto Nontiscordardimé Senior ieri a Dragona

    L'infermiera della Cooperativa OSA, Alessandra Ritrovato, spiega il progetto Nontiscordardimé Senior in questa video intervista realizzata dall'agenzia di stampa Dire. Domenica 12 febbraio, l'unità mobile dedicata all'ascolto, alla prevenzione e all'assistenza degli anziani più bisognosi ha fatto tappa a Dragona, sul litorale romano, per nuove visite nutrizionali presso la parrocchia di Santa Maria Regina dei Martiri in via Ostiense. CLICCA QUI PER VEDERE L'INTERVISTA

     

    “Nontiscordardimé Senior - racconta Alessandra, presente a bordo dell'unità mobile domenica mattina a Dragona - è un progetto della Cooperativa OSA, del Vicariato di Roma, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore e della Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale di Roma e del comune di San Felice Circeo. L'obiettivo è quello di andare nei luoghi più emarginati della Capitale e della provincia per aiutare gli anziani che si sentono e sono soli o isolati e quindi di mettere al centro le persone bisognose di cure”.

    “Il progetto - aggiunge - è coordinato e formato da un’equipe multidisciplinare. Medici di diversa specializzazione, assistenti sociali, un medico di medicina generale internista e un’ infermiera. Il paziente fa un piccolo percorso all’interno del camper dove inizia con la rilevazione dei parametri vitali da parte dell’infermiera: peso, circonferenza e altezza. Per poi passare dal dottore che si occupa delle l’anamnesi del paziente e dalla nutrizionista che fornisce un aiuto, in base alle proprie abitudini e necessità, per comprendere qual è la cosa più corretta da mangiare”.

     

    Per guardare tutti i video visita il canale YouTube della Cooperativa