• 27 gennaio 2016

    partecipa.osa.coop, il sito OSA per dare voce a assistiti e famiglie

    Tre gli strumenti messi a disposizione degli utenti dalla Cooperativa: i questionari online, il blog e la community

    partecipa.osa.coop, il portale OSA per pazienti e famiglie

    La Cooperativa OSA, ogni anno, assiste quasi 38.000 persone in diverse regioni italiane, di cui più di 35.000 a domicilio.
    Un bacino molto grande e variegato a cui OSA ha dedicato un portale, partecipa.osa.coop, per dare voce e spazio ai pazienti e alle loro famiglie.
     

    Il progetto si chiama E-care, percorsi di partecipazione e mette a disposizione di tutti gli assistiti uno spazio web a cui è possibile accedere gratuitamente dopo essersi registrati, garantendo sempre la riservatezza dei dati anagrafici inseriti.
     

    Raccogliere informazioni utili al miglioramento dell'assistenza e offrire a più persone la possibilità di condividere l'esperienza della malattia e della cura è il duplice obiettivo di questa iniziativa che, sfruttando le potenzialità del web, è stato avviato dalla Cooperativa nel territorio della ASL Roma E in via sperimentale un anno fa e a breve esteso anche agli altri territori dove OSA opera. Per raggiungere tale risultato, il progetto E-care sfrutta internet e le tecnologie informatiche che permettono di dare sostegno anche a distanza.
     

    Sono tre gli strumenti principali messi a disposizione degli utenti dalla Cooperativa: questionari online, un blog e la community.
     

    I questionari on line. Compilando direttamente sul sito i questionari di soddisfazione e percezione dello stato di salute è possibile esprimere il proprio parere sulla qualità del servizio offerto, contribuendo al monitoraggio e al miglioramento delle prestazioni.
     

    Il blog. Per permettere agli utenti di raccontare la propria esperienza di malattia e di assistenza, OSA ha creato un blog. Un modo per trasformare il vissuto di ognuno in un patrimonio condiviso e costruttivo e per produrre conoscenza e comportamenti utili per se stessi e per gli altri. Uno strumento che può aiutare a raccontare la malattia non solo come evento negativo ma anche come occasione di reazione alla sofferenza.
     

    La community. Nella community, vero e proprio gruppo virtuale di mutuo aiuto, gli assistiti potranno discutere con gli altri pazienti e i loro famigliari offrendo o trovando consiglio, aiuto, solidarietà, comprensione e punti d'interesse e anche proponendo miglioramenti per il servizio.
     

    Visitate il portale partecipa.osa.coop e costruite insieme a noi il vostro percorso di partecipazione!