• 27 giugno 2019

    Premio Vittorio Crisponi, tutti i vincitori dell'edizione 2019

    Il riconoscimento dedicato ai soci che si sono distinti nel lavoro è stato consegnato all’Assemblea Generale

    Foto di gruppo per i vincitori del Premio Crisponi 2019

    Sono 33 i vincitori dell’edizione 2019 del Premio Vittorio Crisponi, il riconoscimento istituito da OSA in memoria dell’ex direttore della Residenza Bellagio e riservato ai soci che si sono particolarmente distinti nel loro lavoro. I vincitori, come avviene ormai da qualche anno, sono stati votati direttamente dai loro colleghi già nel corso delle Assemblee Separate e delle Pre-Assemblee che si sono svolte nel mese di Giugno. I premiati, che hanno ritirato la loro targa a conclusione dei lavori dell’Assemblea Generale, sono la centralinista Jessica Salanti e l’operatore sociosanitario Francesco Caccamo per la RSA Bellagio; Daniele Ciuffini e Luca Tuccella dell’ADI de L’Aquila; Federica Genzardi del servizio di Assistenza Domiciliare Integrata di Palermo e Giovanni Cumbo dell’ADI Agrigento. E ancora: Vincenzo Fortunato, OSS delle RSSA Mesagne e Cosimo Cellino, coordinatore infermieristico a Villa Bianca e Casa Melissa. Per le strutture gestite da OSA a Foggia i vincitori sono Aldo Pio De Bergolis (Crap San Nicandro) e Domenico Ventrella (Crap Vico del Gargano). Mentre la coordinatrice Giuseppina Sabusco e l’infermiere Leonardo De Gregorio sono stati indicati dai loro colleghi dell’ADI di Foggia. Per quanto riguarda l’ADI Lazio il premio è andato a Patrizia Punzo (Latina, coordinatrice infermieristica), Francesca Mastroianni (Latina – infermiera, Daniele Giuliani (coordinamento Roma 1), Ionut Caranfilof (Roma 1 infermiere), Antonello Serafini (coordinamento Roma 3), Eusebio Davalos (infermiere Roma 3), Francesco Damiani (coordinamento Roma 4), Alessandro Cuomo (Infermiere Roma 4), Agnese Tozzi (coordinamento Roma 5), Antonella Corveddu (OSS Roma 5). Per il servizio HIV i vincitori sono Francesca Agostini (coordinamento) e Mario Baldicchi (infermiere). Per la Divisione Sociale, il riconoscimento è stato assegnato a Alessia Lisena (Latina), Paola Di Dario (assistente sociale coordinatrice a Frosinone), Eleonora Carnevale (educatrice di Ferentino), Enrico Chialastri (assistente di base dei servizi SAISA-SAISH), Antonella Piazza (terapista pediatrica essenziale che lavora presso il centro di via Taldi) e Teresa Vannoli (coordinatrice presso il centro di via Majorana). Cristian Zucca e Monica Caruso sono i soci premiati per quanto riguarda gli uffici amministrativi e di coordinamento delle sedi OSA di via Volumnio e di via Vallerotonda. Una dedica speciale a Maria Domenica Balletti, ausiliaria del servizio outsourcing presso il Policlinico Umberto I di Roma, scomparsa un mese fa. In suo ricordo il premio è stato ritirato dal marito. “I soci premiati con il riconoscimento intitolato a Vittorio Crisponi sono un simbolo di quello che facciamo ogni giorno – ha detto il presidente Milanese – sono una parte dei 3.551 lavoratori che assistono quotidianamente i nostri assistiti in tutta Italia”.

     

    GLI ALTRI PREMI. Oltre al premio intitolato a Vittorio Crisponi, OSA ha istituito anche due altri riconoscimenti che sono un modo per ricordare chi non c’è più ma anche per investire sul futuro, premiando il merito, lo studio, l’impegno, la passione. Il primo è il premio intitolato a Veronica Diomaiuta, dedicato alla memoria dell’infermiera e coordinatrice OSA, prematuramente scomparsa nell'ottobre 2016, che mette a disposizione dei soci l’intera quota corrispondente all’iscrizione ad un Master di I Livello in Cure Palliative e Terapia del Dolore. Il secondo è il Premio Melissa Bassi, la studentessa di Brindisi brutalmente uccise nell’attentato del 2012 davanti alla scuola Morvillo-Falcone. Un riconoscimento con cui OSA sostiene il percorso universitario dei figli dei soci. Alla presenza di Massimo, padre di Melissa e socio della Cooperativa, sono state premiate con una targa celebrativa Francesca Ascenzi e Giorgia Arrabito, laureate a pieni voti anche grazie al supporto del premio e di OSA.