• 07-01-2019

    Presepi in festa a Latina

    Il Centro Diurno “S. Minenna” incontra i maestri del presepe

    Foto di gruppo dell'incontro

    Nel pieno delle festività natalizie, ospitati e operatori del Centro Diurno di Latina “S. Minenna”, gestito dalla Cooperativa OSA, hanno incontrato i maestri del presepe dell’Associazione Presepistica Pontina e dell’Associazione Italiana Amici del Presepe, in occasione delle loro mostre organizzate per il Natale.

     

    Durante le visite, i nostri assistiti hanno ammirato le opere artigianali realizzate dai maestri, quali gli scenari della Natività e i paesaggi della Palestina e rivolto loro molte domande sulle rappresentazioni e i materiali impiegati per crearle. Gli artigiani hanno potuto spiegare nel dettaglio i loro lavori, soddisfacendo la curiosità e la vivacità degli ospitati.

     

    I nostri assistiti hanno inoltre donato alle due Associazioni un quadro raffigurante il presepe da loro realizzato durante il laboratorio d’arte insieme agli operatori, installato presso il Centro: i quadri sono stati esposti accanto alle opere dei maestri, diventando parte integrante delle mostre.

     

    “L’interesse e l’entusiasmo dei ragazzi del Centro nei confronti di tanta bellezza ha contagiato tutti”, racconta la coordinatrice OSA Ilaria Tagliavia, “tanto da creare le basi per future collaborazioni con l’obiettivo di creare un presepe unico ad opera di maestri, ospitati e operatori del Centro”.

     

    Prosegue così il progetto di integrazione, socializzazione e conoscenza di nuove realtà del territorio di Latina e dintorni, avviatosi nei mesi precedenti, e che crea continue nuove opportunità di arricchimento e divertimento sia per gli ospitati che per gli operatori del Centro.

     

    “Ringrazio di cuore il Vicepresidente dell’Associazione Presepistica Pontina Umberto Gasbarrone e il Presidente dell’Associazione Italiana Amici del Presepe, sede di Aprilia (Lt), Alessandro Martinisi”, continua Ilaria, “e tutti i maestri e collaboratori per la splendida accoglienza, la pazienza e la passione che hanno saputo trasmetterci, con la certezza di rivederci presto”.