• 19-02-2019

    Protagonisti nel “Paese dell’ Amore”

    Gli ospiti della Comunità residenziale psichiatrica ‘Oasi’ di Vico del Gargano partecipano all’evento “Terrarancia”

    Il banchetto della solidarietà allestito dagli ospiti della CRAP

    Si chiama “Terrarancia” ed è un evento di Vico del Gargano (Fg), riconosciuto in tutto il territorio pugliese, che racconta storia, tradizioni e tipicità del paese dell’Amore.

    I vichesi nel 1618 scelsero san Valentino quale loro nuovo santo patrono, sostiuendolo a san Norberto. Da allora Vico del Gargano si identifica con il celebre martire cristiano, protettore degli innamorati, che secondo tradizione celebrò il primo matrimonio “inter religioso” tra un legionario pagano e una fanciulla cristiana e per questo venne giustiziato il 14 febbraio 273 durante l’impero di Aureliano.

    Anche quest’anno i ragazzi della CRAP ‘Oasi’, la comunità riabilitativa assistenziale psichiatrica, gestita dalla Cooperativa OSA, hanno voluto onorare la tradizione, partecipando attivamente alle iniziative in programma a Vico Garganico. I festeggiamenti sono iniziati il 13 febbraio scorso con una festa all’insegna dell’Amore e dell’Amicizia vissuta insieme agli ospiti della CRAP 'San Cristofaro', l’altra Comunità residenziale gestita da OSA a San Nicandro garganico in provincia di Foggia. Grazie agli amici dell’Associazione Auser sono state preparate pietanze e dolci tipici del Gargano. La serata, trascorsa in allegria e animata da canti e balli, ha avuto come tema centrale: “l’amicizia in un abbraccio”.

    Dal 14 al 17 febbraio, invece, gli ospiti della CRAP Oasi hanno partecipato al mercatino dell’artigianato con l’esposizione dei manufatti creati a tema, consapevoli di sentirsi parte integrante del ‘paese dell’Amore’.

    La “Festa degli innamorati”, il 14 febbraio, è una ricorrenza ricca di momenti suggestivi, profumi e colori che la Regione Puglia ha inserito anche nel progetto “Patroni di Puglia”. La Chiesa Matrice, il vicolo del bacio, le piazze e le principali abitazioni del centro storico, per l’occasione vengono addobbate con meravigliose arance. Tutto l’antico borgo vichese è parato a festa a cominciare appunto dal “Vicolo del Bacio”, una strada strettissima e pittoresca, meta privilegiata in Puglia delle passeggiate degli innamorati nel giorno di san Valentino. I giorni che precedono la ricorrenza vedono un paese in fermento con una partecipazione popolare, che si respira in ogni casa, nelle sedi delle confraternite e in quelle delle associazioni. La partecipazione popolare alla festa degli innamorati è visibile in ogni strada, su ogni vetrina delle attività commerciali, che viene allestita per l’occasione in modo originale.

    Il giorno della “Festa degli innamorati” si celebra la messa solenne e la statua del santo, in legno dorato, sfila per le vie del paese adornata con agrumi e alloro ed è in questa occasione che vengono benedette le piante, gli aranci e i limoni, elementi simbolici della ricorrenza. Una tradizione secolare racconta che mangiare le arance benedette nel giorno di san Valentino o berne il succo, esaudisca tutti i desideri di gioia e felicità, come una miracolosa pozione d’amore.