• 10 settembre 2019

    Settembre è tempo di vacanza

    Gli ospiti della CRAP San Cristofaro stanno soggiornando a Rimini e visiteranno tanti luoghi dell’Emilia Romagna

    Foto di gruppo per gli ospiti della Crap San Cristofaro in vacanza in questi giorni in Emilia Romagna

    Gli ospiti e gli operatori OSA della Comunità Psichiatrica Riabilitativa Assistenziale (CRAP) San Cristofaro di San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia, stanno trascorrendo in questi giorni una vacanza di vero relax. Tra le mete tutte da scoprire scelte dal gruppo partito dalla Puglia ci sono alcune delle località turistiche più famose dell’Emilia Romagna, come Rimini, Cattolica, Gradara e Riccione.


    LA PARTE MIGLIORE. “Ogni anno a settembre viviamo una nuova scoperta - racconta Giuseppe Ferrandino, coordinatore della struttura gestita da OSA -. L’entusiasmo con cui i nostri ospiti vivono questo soggiorno è la parte migliore di tutto il lavoro. Stamattina abbiamo visitato Cattolica e al rientro per la cena in albergo, i nostri ospiti hanno fatto amicizia con la gente del posto trascorrendo insieme a loro una serata cantando al karaoke”.
     

    FACILITARE AUTONOMIA E STIMOLARE LA COMUNITÀ. La vacanza annuale viene preparata con cura ed attenzione da una équipe che si incontra regolarmente. Non bisogna lasciare nulla al caso. Dalla preparazione psicologica e sociale degli utenti alla scelta dell’itinerario, dai comportamenti da tenere durante le visite all’acquisto degli indumenti fino ad arrivare alla preparazione delle valige e alla somministrazione delle terapie. Gli obiettivi sono chiari: facilitare i processi di autonomia e stimolare i rapporti di comunità.
     

    LA VACANZA. I panorami mozzafiato e i luoghi più famosi della movida estiva stanno coinvolgendo tutto il gruppo. Il soggiorno è un’occasione per verificare gli avanzamenti del lavoro di riabilitazione svolto nel corso dell’anno. Ad aiutare gli ospiti in questi giorni ci sono cinque operatori (tre infermieri e due operatori socio sanitari). In ogni momento della giornata c’è una scoperta che galvanizza gli ospiti. E poi la sera divertimento e condivisione con chi ha la fortuna di incrociare l’allegra compagnia.