• 1 Luglio 2014

    Sport e disabilitÓ, online il manuale per gli istruttori di nuoto

    La guida realizzata dalla Federazione italiana nuoto paralimpico con la collaborazione, fra gli altri, dell'Inail

    Il nuoto pu˛ essere un mezzo efficace nei processi di riabilitazione

    Il nuoto può essere un mezzo efficace nei processi di riabilitazione, di reinserimento e di superamento delle difficoltà psicologiche indotte dalla disabilità. Per renderlo tale, però, è necessario che gli istruttori seguano delle procedure precise. Proprio con questo scopo è stato pubblicato “Il nuoto. Metodi e tecniche nelle attività sportive paralimpiche”, il primo manuale per istruttori di nuoto per disabili. A realizzarlo è stato Diego Unterhuber (responsabile nazionale per la formazione della Federazione italiana nuoto paralimpico), grazie al sostegno del Comitato italiano paralimpico, dell’Inail e della Finp.

    La pubblicazione è disponibile e consultabile sul portale dell’Istituto nazionle per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. “L’Inail ha posto con orgoglio il suo marchio sulla copertina di questo libro – scrive nella prefazione dal presidente Massimo De Felice –. Il sostegno dell’Istituto alla realizzazione del manuale rientra, in particolare, tra le attività di formazione previste dalla Convenzione quadro con il Cip rinnovata nel 2013, che porterà alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro, e ha tra i suoi numerosi obiettivi la creazione di banche dati in tema di disabilità e sport a fini di studio, ricerca e rilevazioni statistiche e il potenziamento dell’attività di formazione di istruttori e allievi”.

    “Il manuale di Unterhuber è accurato, approfondito, ambizioso – scrive il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli – Ma, soprattutto, è il primo nel suo genere per la disciplina del nuoto; un lavoro che va ad arricchire il già ricco mosaico paralimpico di un elemento altamente formativo perché, per assicurare un futuro roseo a questa disciplina, c’è bisogno di atleti allenati da formatori specializzati”.