• 24 aprile 2018

    Tutti uguali, tutti diversi: la lezione del Centro diurno OSA

    Alunni e assistiti hanno riflettuto insieme sull’importanza dell’art. 3 della Costituzione

    Rispetta le differenze. La diversità è una ricchezza

    “Rispetta le differenze. La diversità è una ricchezza” è il messaggio riportato su un poster in cui è stato disegnato un grande cuore che racchiude le foto di tutti i protagonisti che lo hanno realizzato ispirandosi all’articolo 3 della Costituzione.
     

    Il progetto ha coinvolto, nei mesi scorsi, gli alunni delle classi II, III e IV elementare della scuola Istituto I Comprensivo G. B. Paolini del Plesso Capoluogo e i ragazzi del Centro diurno Luca Malancona di Ferentino che, lunedì 23 aprile, a conclusione del lavoro si sono incontrati per riflettere sull’importanza dell’uguaglianza delle persone. 
     

    “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” è quanto recita il testo del citato articolo che è stato letto dai piccoli alunni e che ha scaturito profonde riflessioni da parte di tutti. 
     

    “È un articolo bellissimo perché profuma di civiltà - spiega l’educatrice OSA del Centro - Abbiamo trascorso una mattinata molto costruttiva insieme che ci ha dato la possibilità di esprimere i nostri pensieri. È emerso che ognuno di noi merita di essere uguale all’altro, ognuno di noi è profondamente diverso ma uguale all’altro. E sono queste le basi per l’integrazione e per un mondo equo”.
     

    Integrazione e uguaglianza sono valori che nel Centro vengono trasmessi ogni giorno attraverso l’esempio, le buone pratiche e nei percorsi di autonomia pensati per gli assistiti.
     

    “Momenti come questo - conclude la coordinatrice della struttura Alessandra - testimoniano l’importanza di lavorare nell'ottica di apertura del Cdd alle realtà locali, come le istituzioni scolastiche in questo caso. Questo facilita la socializzazione dei nostri ragazzi che imparano a relazionarsi e ricevono stimoli e insegnamenti anche da ciò che proviene dall’esterno”.
     

    Presenti all'iniziativa le autorità locali e il responsabile della Divisione Sociale OSA Marcello Carbonaro che ha sottolineato che “i principi costituzionali sono importanti nella pratica e nei pensieri di chi svolge un lavoro delicato come quello di accudire le persone più fragili e indifese”.