• 06-09-2019

    Un compleanno davvero speciale

    Gli ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa festeggiano i 72 anni di Padre Carmelo Vitrugno

    Una immagine della torta speciale preparata per il compleanno di Padre Carmelo

    Una serata indimenticabile è stata vissuta da un gruppo di ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa in occasione del 72esimo compleanno del sacerdote carmelitano, Padre Carmelo Vitrugno. Una giornata particolare con una serie di attività per accogliere l’invito del sacerdote a trasformare un compleanno consumistico con inutili e costosi doni materiali, spesso troppo centrato su se stessi, in un compleanno a misura d’uomo e che sia occasione preziosa per donare e condividere con gli altri la propria felicità. Molte persone, infatti, non festeggiano e non sono festeggiate dai loro cari il giorno della propria nascita. I motivi possono essere tanti: dimenticanza, problemi familiari, problemi di salute, economici, momento critico nella coppia, morte di familiari o parenti ecc. Padre Carmelo vuole fare azione di recuperare tutto questo patrimonio inespresso di gioia, dando vita ad una festa senza condizionamenti.

     

    Da tempo Padre Carmelo conduce questa personale lotta contro chi antepone l’avere all’essere, i beni materiali alla persona, l’obbligo del regalo costoso allo stare insieme. In occasione del proprio compleanno invia a familiari, amici e conoscenti un particolare invito affinché, insieme a lui, ognuno senta la gioia di festeggiare il proprio personale compleanno, condividendolo con gli altri.

     

    Quest’anno il messaggio è arrivato anche alla residenza gestita dalla Cooperativa OSA e subito è stato accolto con entusiasmo. Gli ospiti di Villa Bianca e Casa Melissa, insieme agli operatori, si sono subito dati da fare per organizzare la loro partecipazione. Già i preparativi sono stati occasione per fare festa insieme. In molti hanno voluto contribuire, cucinando per l’occasione focacce e dolci. Vecchi e nuovi amici si sono ritrovati presso l’Oasi Anna, un luogo d’incontro e preghiera in contrada Torretta a Mesagne, messo a disposizione dalla famiglia Milanese.

     

    “Abbiamo celebrato la Santa Messa all’insegna del Magnificat per il dono della vita”, ha raccontato Padre Carmelo -.” In quel momento l’assemblea ha fatto verifica della propria esistenza, ha chiesto perdono, ha ascoltato la Parola di Dio. È stato davvero un momento di grazia.”

    Il sacerdote carmelitano ha voluto donare ai presenti anche un foglio con la sua attualizzazione del Salmo 138: ‘Signore tu mi scruti e mi conosci […] a saper dire grazie per il dono della vita […] a chiedere vita vera al Dio della vita […] a fare promesse per il futuro’.  Durante la celebrazione eucaristica non sono mancati i canti liturgici tradizionali accompagnati dalla chitarra di Michele, ospite di Casa Melissa. Poi si è lasciato spazio alla musica con la partecipazione dei bambini presenti, guidati da Tony Bottazzo – artista mesagnese - in veste di presentatore, e dai musicisti Marta e Michele. Quindi Padre Carmelo ha coinvolto i presenti nella gara della ‘Focaccia, Sapori e Fantasia’. Gli invitati che avevano cucinato la focaccia, simbolo dello stare in famiglia, hanno dovuto sottostare al giudizio di una giuria che ne ha valutato bontà e fantasia. Per la cronaca sono state premiate Rosaria per la bellezza e Miriana per la bontà delle loro focacce.

     

    In ogni compleanno che si rispetti non poteva mancare la torta con l’augurale scritta ‘Viva la vita’, dove, accanto alle candeline, hanno trovato posto anche immagini di chi ha voluto festeggiare con Padre Carmelo. E nottetempo il canto ‘Tanti auguri a te’ ha concluso la serata, echeggiando nel silenzio degli ulivi, sotto la luna di fine agosto. Tutti si sono sentiti festeggiati: non più solo il compleanno di quel giorno, ma il compleanno di ogni giorno dell’anno, quello di tutti.