• 20 maggio 2016

    Un gesto di solidarietà torna a far sorridere i ragazzi del CSI OSA

    Organizzata nel Centro ciociaro una festa per ringraziare chi ha ricomprato pc, pianola e stampante dopo il furto

    Un momento della festa con i ragazzi, gli operatori, le famiglie e il gruppo di benefattori

    Uno spiacevole episodio si è trasformato in un’occasione di solidarietà e di condivisione. Nel Centro sociale integrato per disabili e minori di Frosinone (CSI) in via Armando Fabi gestito dalla Cooperativa OSA, la scorsa settimana, si sono introdotti i ladri portando con sé una sostanziosa refurtiva, praticando un foro su una parete e distruggendo il sistema di allarme.
     

    Mercoledì (18 maggio 2016), nella struttura, è stata organizzata una piccola festa per ringraziare quei cittadini che, spontaneamente, hanno deciso di unirsi per ricomprare quanto rubato. La consegna del materiale, due computer portatili, una stampante, una pianola, è stata vissuta dai ragazzi con grande emozione. Apprezzatissimo da tutti - utenti, famiglie e operatori OSA - un dono inaspettato: il materiale didattico come tele e colori per la pittura.
     

    L’idea di questo significativo gesto di solidarietà è nato, in modo spontaneo, davanti al tavolino di un bar, da parte di alcuni amici che hanno ascoltato il racconto di quanto avvenuto da uno dei genitori che porta il proprio figlio nella struttura. Da lì la decisione di organizzare una colletta, a cui hanno aderito anche alcuni commercianti di via Aldo Moro, per donare di nuovo il sorriso a tutti i ragazzi del Centro.
     

    “I due ragazzi a cui hanno rubato il pc - ci racconta Anna Caterina, responsabile insieme a Cristina del CSI, che abbiamo raggiunto telefonicamente - fortunatamente possono continuare a partecipare al laboratorio informatico. Lo scopo è quello di favorire le fasi dell’apprendimento e di metterli di fronte a momenti di vita quotidiana. Infatti, organizziamo attività educative e cognitive utilizzando programmi specifici con cui imparano a fare la spesa, a fare i conti o, ancora, ad usare le parole. Si tratta di un progetto importante in cui gli utenti sono molto stimolati e ringraziamo la ditta Ortopedia Italia che ci ha messo a disposizione tutti i portatili in comodato d’uso. Un ringraziamento speciale - conclude Caterina - ai nostri concittadini che si sono mobilitati per ricomprare i due pc dimostrando grande sensibilità e vicinanza al nostro lavoro ma soprattutto ai nostri fantastici ragazzi”.