• 9 dicembre 2019

    ADI Foggia, un aiuto agli assistiti di 33 comuni

    La centrale operativa OSA di San Severo gestisce 26mila accessi al mese con 90 operatori nelle case dei pugliesi

    Foto di gruppo alla centrale operativa gestita dalla Cooperativa OSA nella provincia di Foggia

    “Servizio di Assistenza Domiciliare ASL Fg. Centrale Operativa OSA”. C’è scritto così sulla targa apposta in cima al civico 1 di via Celenza a San Severo. Locali al piano terra di una casa che fa angolo in una via a due passi dal centro. All’interno c’è il cuore dell’assistenza domiciliare che serve un territorio formato da 33 comuni del foggiano. Una porzione importante della Puglia che attraversa l’Alto Tavoliere, il Gargano e il Subappennino Dauno. Le stanze ordinate e accoglienti sono abbellite dalle immagini che raccontano i 50mila volti OSA.

     

    A scrivere al computer e a districarsi nelle carte ci sono Elvira Maria di Fronso coordinatrice, Giusy Sabusco, Antonella Mennella e Sonia Florio impiegate. Qui ogni giorno fanno riferimento 90 operatori tra infermieri, fisioterapisti, operatori socio sanitari e impiegati. Da queste scrivanie partono le risposte per soddisfare circa 26mila accessi mensili. Incontriamo Nicola De Flandre, Area Manager della cooperativa OSA, nel suo ufficio immerso dagli impegni e con alle spalle un quadro che ritrae un abbraccio tra Gesù e un uomo. Il suo sorriso ci immette in una realtà di servizio fatta di tanta umiltà e lavoro.

     

    Continua a leggere il racconto della Centrale operativa OSA di San Severo sul n.3 di 50mila volti Magazine