• 9 aprile 2020

    OSA tiene alta la guardia contro il Covid-19: al via la formazione

    La Cooperativa ha stabilito un'attività formativa obbligatoria per tutto il personale per garantire la massima sicurezza di operatori e assistiti. Attivo l'indirizzo di posta elettronica formazionecovid@osa.coop

    In prima linea nelle zone rosse di Lombardia e Lazio, sempre attenta a preservare la salute di chi lavora e di chi riceve assistenza nelle proprie case in tutta Italia, la Cooperativa OSA non abbassa la guardia di fronte all'emergenza Covid-19.

    L'Unità di Gestione del Rischio (UGR) di OSA, in pieno coordinamento con il Servizio Formazione della Cooperativa, ha stabilito percorsi di formazione obbligatoria per tutto il suo personale con l'obiettivo di innalzare ulteriormente i livelli di sicurezza e mantenere alta l'attenzione e la premura nei confronti non solo dei professionisti che operano nell'assistenza, ma anche riguardo agli assistiti che quotidianamente ricevono le cure da parte degli infermieri, dei medici, degli operatori sociosanitari della Cooperativa, a domicilio e nelle strutture presenti sul territorio. L'attività formativa obbligatoria per tutto il personale deve avere una durata di almeno 5 ore ed è accreditata ECM.

     

    Un'iniziativa che è necessaria a causa delle mutate condizioni igienico-sanitarie e dall’evolversi delle procedure di contrasto alla pandemia e che consentirà a tutti gli operatori coinvolti in ambito assistenziale di essere costantemente aggiornati sulle modalità e sui rischi di esposizione professionale, sulle misure di prevenzione e protezione disponibili e sulle caratteristiche del quadro clinico Covid-19.

    L’elevata circolazione del virus e l’alto numero di casi di Covid-19 hanno infatti comportato una riorganizzazione in molti ospedali con modifiche continue alle modalità di approccio e alle procedure di cura per i pazienti. Altrettanto in evoluzione si è dimostrata la gestione dei casi di positività presso strutture e servizi territoriali quali RSA, case di riposo e assistenza domiciliare. In tutti questi setting, come nei laboratori di analisi dove OSA gestisce i campioni biologici dei tamponi e delle analisi ematiche degli screening epidemiologici, è stato dunque necessario adeguare nuovamente e velocemente gli standard di sicurezza degli operatori a maggiore rischio d’infezione per garantire una intervento efficace con il minor rischio di contagio per tutti, sia assistenti che assistiti.

    L’innalzamento dei livelli di guardia e la scrupolosa osservanza dei protocolli di sicurezza in ogni contesto operativo è stata accompagnata in questi ultimi due mesi da una serie di azioni di informazione e formazione che hanno coinvolto tutte le figure professionali presenti nella Cooperativa.

     

    Fin dai primi giorni di febbraio tutti i coordinatori sanitari e i responsabili dei servizi e delle strutture OSA hanno condiviso con gli operatori (medici, infermieri, terapisti e OSS) procedure, documenti, linee guide e normative ricevute dalle Autorità sanitarie, in modo da assicurare un aggiornamento costante vista la continua e rapida evoluzione clinico epidemiologica dell’emergenza in corso. La formazione è incentrata sul corretto utilizzo di tutti i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) e sul loro smaltimento, realizzato da Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione e Unità Gestione del Rischio e rivolto a tutto il personale della Cooperativa.

     

    Il Servizio di Formazione OSA, insieme all’UGR, ha messo a disposizione del personale della Cooperativa una casella di posta dedicata formazionecovid@osa.coop per avere ogni informazione sui corsi online disponibili sulle principali piattaforme FAD accreditate e per monitorare l’avvenuta formazione degli operatori.

    Attenzione è stata dedicata anche a quegli operatori non strettamente sanitari (ad esempio gli OSS) comunque direttamente coinvolti in ambito socio-assistenziale e che non possono accedere ai corsi, mettendo loro a disposizione dispense e materiale formativo utile ad approfondire gli elementi principali della malattia SARS-CoV-2.