• 22 dicembre 2020

    Storia dell’albero Rossella O’Hara donato da Le Tamerici a Latina

    Il Centro Diurno gestito da OSA ha consegnato nel giorno della fondazione della città un’opera che ricorda le donne vittime di violenza. L'installazione si trova al mercato annonario

    La targa affissa sull'albero di Natale Rossella O'Hara

    Il nostro servizio giornalmente ci insegna che non ci sono limiti all’amore e che la parola ‘rispetto’ non si può scindere dall’essenza delle persone. Questo progetto ha coinvolto gran parte degli utenti e ognuno per le proprie abilità ha contribuito alla realizzazione dell’albero che abbiamo poi donato alla città di Latina nel giorno del suo compleanno (18 dicembre, ndr). Non si è trattato solo di un albero di Natale particolare, ma di un percorso che alla fine ha portato noi e i nostri ragazzi ad estendere ciò che di buono ogni giorno la vita ci insegna: accettare le differenze nel pieno rispetto della propria individualità”. Con queste parole, Rosaria Donatiello e Alessia Lisena, rispettivamente coordinatrice ed educatrice del Centro Diurno Le Tamerici, gestito da OSA a Latina, raccontano la scelta di donare al capoluogo pontino l’albero di Natale “Rossella O’Hara”, realizzato per ricordare tutte le donne vittime di violenza che è stato sistemato in uno dei luoghi di maggior aggregazione cittadina, il mercato annonario di via Cellini.

     

    “Un luogo speciale”, confermano Donatiello e Lisena, “scelto per diffondere il rispetto non solo delle donne, ma anche di tutte le persone. L’albero è il simbolo della rinascita e vuole lanciare, nelle nostre intenzioni, un messaggio di speranza. I nostri utenti hanno toccato e plasmato la femminilità legata allo spirito di condivisione e di unione che ricorda il Santo Natale”.

     

    L’albero, creato nel 2018 dal Centro Le Tamerici, era già stato esposto il 25 novembre di due anni fa, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nei locali del servizio alle Politiche di Welfare e Pari Opportunità del Comune di Latina. Poi la scelta, condivisa con l’amministrazione, di donarlo alla città nel giorno in cui si celebra la sua fondazione e di posizionarlo in un luogo di socialità e di vita come il mercato. In via Cellini, oltre all’albero “Rosella O’Hara” alto 1 metro e mezzo, hanno trovato spazio anche una panchina di cartone rosso, colore simbolo contro la violenza di genere, e 2 cornici di polistirolo rivestito.

     

    “Siamo convinti che il Centro Diurno, in quanto servizio pubblico, debba collaborare con la cittadinanza nel promuovere e costruire i valori di una buona cittadinanza. Durante l’installazione tante persone, tra cui molte donne di età diverse, si sono avvicinate per chiedere, osservare, riflettere sul senso dell’iniziativa. Siamo felici di aver donato alla città di Latina una piccola opera d’arte costruita grazie all’amore e alla passione dei nostri ragazzi e degli operatori”.